Lingue Nordiche
Archivio News precedenti

Lingue Nordiche

In questo sito trovi informazioni sulle attività di didattica e ricerca in “Lingue e Letterature Nordiche” nelle università italiane – in primo luogo su lingua, cultura e letteratura danese, norvegese e svedese. Trovi inoltre alcune indicazioni utili se vuoi studiare l’islandese o il feroese. Se ti interessa il finlandese, rimandiamo ad altri link dove puoi continuare la ricerca. 
Invitiamo a conoscere meglio le lingue nordiche assieme a vari aspetti della civiltà di cui sono espressione. Presentiamo anche quanto avviene fuori dell’università: corsi, pubblicazioni, film, mostre e altri eventi culturali collegati al Nord, principalmente in Italia ma non solo. Il sito è il risultato della collaborazione tra docenti di otto università italiane ed è finanziato da Nordens Sprogråd  (Consiglio Linguistico Nordico).

16 Sep 2015

Studi medievali islandesi all'Università d'Islanda

L’Università d’Islanda, in collaborazione con l’istituto Arnamagnæano per gli studi islandesi, offre un’opportunità ineguagliabile per gli studenti che non resistono al fascino del medioevo nordico: il corso di laura magistrale in studi medievali islandesi. Questo programma permette agli studenti di scegliere se laurearsi in tre semestri e con almeno 90 ECTS, o in quattro semestri e almeno 120 ECTS. Nel primo caso, il corso viene chiamato Medieval Icelandic Studies (MIS), mentre nel secondo è detto Viking and Medieval Norse Studies (VMN).

Continua...

16 Aug 2015

The 16th International Saga Conference, Zurigo/Basilea 9-15 agosto 2015

Nei giorni 9-15 agosto si è tenuta a Zurigo e Basilea la sedicesima saga conference, il cui tema principale è stato "Le saghe e lo spazio". I singoli interventi sono stati suddivisi in sette sottotemi più una sezione aperta. In aggiunta, si sono tenute cinque tavole rotonde e una poster session.

Continua...


19 Nov 2015

Tarjei Vesaas: Kimen (1940, Il germe)

Il romanzo inizia con una tenera scena di vita al suo principio. Siamo in un podere: la numerosa figliata di maialini succhia avidamente il latte dalla madre coricata. Siamo su un’isola senza nome (“l’isola”). Riconosciamo il tessuto rurale scandinavo, quello che l’autore norvegese Vesaas, contadino egli stesso, conosceva bene. Tuttavia l’isola assume anche tratti simbolici e mitici; la sua rappresentazione si iscrive in una millenaria storia occidentale che raffigura l’Eden come un giardino chiuso e delimitato, a volte anche come isola appunto, a partire dalle Isole dei Beati della mitologia classica. In particolare questa verde e rigogliosa isola con molti poderi trova il suo centro nella grande fattoria di Li, ora suddivisa in due proprietà: i padroni Karl e Mari Li hanno tenuto il fertilissimo giardino con il frutteto, cedendo ai vicini Jens e Bergit le attività dei campi e l’allevamento. A Li ha inizio l’azione del romanzo: i maialini.

Continua...

24 Aug 2015

Il popolo che disse no - Bo Lidegaard

L’anno è il 1943. La Germania nazista ha occupato la Danimarca. Il paese è preoccupato, schiacciato e a tratti prono alle richieste del nemico. Le forme popolari di resistenza con sabotaggi e singoli attacchi, a causa delle circostanze poco significativi, vengono vivamente scoraggiate dalle autorità locali per paura di massicce ritorsioni, il primo ministro danese Buhl fa addirittura la richiesta odiosa di denunciare i sabotatori alle autorità naziste. Questa la situazione. Ma quando avanza l’oscura ipotesi, che si trasforma giorno dopo giorno in una spaventosa certezza, di rastrellamenti sistematici di ebrei, la popolazione insorge. E la disobbedienza non avviene affrontando il nemico in uno scontro aperto (che certo la Danimarca non avrebbe potuto permettersi), né tramite gruppi di partigiani armati.

Continua...

13 Jul 2016

Strindberg across Borders (2016)

Drammaturgo di fama mondiale ma anche scrittore di genio in ogni forma letteraria, e inoltre uomo interessato alla pittura, la fotografia, le lingue, la storia, la politica, le scienze naturali, la religione e l’occultismo, August Strindberg (1849-1912) può ricordarci il genio universale del Rinascimento, tuttavia dotato dello spirito ansioso dell’artista che vive nell’epoca del capitalismo avanzato. Egli ha praticato lo sconfinamento come trasgressione delle norme e messa in discussione delle autorità; la sua posizione di “dilettante” è stata forse scomoda, ma gli ha garantito la libertà e mobilità di cui aveva bisogno per creare e sperimentare in quanto artista. Il suo sconfinamento è inoltre il frutto di una consapevole strategia transnazionale e multilingue. Infine lo sconfinamento ha a che fare con la condizione storica di chi si muove in avanti e indietro sulla soglia tra bei tempi andati e modernità.

Continua...

18 Jun 2016

Testimonianza su Gianna Chiesa Isnardi

Ci sono studiose e studiosi dotati della rara capacità di attrarre nei loro percorsi intellettuali una pluralità di lettori, specialisti e non, suscitando in loro l’interesse per mondi e tempi apparentemente lontani ma testimoni di snodi fondamentali per la storia della cultura. Gianna Chiesa Isnardi, scomparsa prematuramente il 29 maggio scorso, per anni prof. ordinario di Lingue e letterature nordiche presso l’Università di Genova, preziosa amica e stimatissima collega, è un esempio di come si possa coniugare il sapere scientifico, anche erudito, con una sua diffusione in forme di grande fruibilità, tanto più rare quanto più ampio e complesso è il materiale da vagliare.

Continua...